DOJIMA

Nell’eau de parfum Dojima Mona di Orio Parfums, Jeroen Oude Sogtoen e Fredrik Dalman rendono omaggio all’odore unico del riso tratteggiando un elegantissimo ritratto olfattivo della sua patina di porcellana.

Parte della collezione Monogram, Dōjima deve il nome al quartiere di Osaka dove Samurai stabilirono nel 1697 la prima borsa per le contrattazioni ed il controllo del commercio di riso nota come Dōjima Rice Exchange. Ufficialmente riconosciuta e regolata nel 1730 poi sotto lo shogunato di Tokugawa, vide splendore e declino fino alla sua chiusura definitiva nel 1939.

Appena spruzzato, Dojima Mona di Orio Parfums emana la brillantezza porosa del chicco di riso grazie alla nuvola talcata e floreale dell’iris sospinta da un alito rosato di saké. Pochi petali di gelsomino sparsi nel burro d’iris bastano ad smussare la freschezza angolare della salvia dando subito l’impressione di sorseggiare una tazza fragrante di Hōjicha, the verde che i giapponesi amano tostare in un coccio di porcellana per esaltarne il gusto nocciolato. Il drydown è sereno, tutto sandalo e ambretta dai sentori di cereali e frutta secca, edibili eppure mai sfacciatamente gourmand grazie alla piccantezza sapida della noce moscata.

Come un bagno all’amido di riso, la morbidezza di Dojima resta sulla pelle a lungo, carezzandola con la trama lieve di una seta antica.

180,00

Svuota