KASAR

Kasar era il nome di uno dei due stalloni arabi preferiti da Napoleone, e con esso la Maison Cabanel ha ripercorso le cavalcate del condottiero, tra l’odore del cuoio e di sudore, di vento e ombre.

Alter ego di Jaspè, Teo Cabanel Kasar è l’odore del cuoio della selleria, esaltato dal calore sprigionato dalla pelle dell’animale.

Il cavallo rientra docile nella scuderia, è stanco per la lunga corsa, ma il suo stato d’animo è di autentica felicità.

Ha corso con tutta la forza dei muscoli guizzanti sotto il morbido vello, e ora sa che lo aspetta la ruvida carezza della spazzola dello stalliere, che accompagnerà i movimenti vigorosi con dolci parole di affetto.

Sul mantello sono rimasti gli odori del bosco, quello strano miscuglio di terra ed erbe, di fiori e muschio che ancora gli fanno rivivere quel senso di libertà che lo ha quasi sfinito.

Teo Cabanel Kasar ha un esordio appena un po’ fresco, per poi sfociare quasi immediatamente in un mélange speziato e intenso di zafferano, chiodi di garofano e cannella.

La chiusura è cupa di oudh, cisto e patchouli, per finire in un accordo cuoio di ineffabile eleganza.

In offerta!

155,00 124,00

Svuota